stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Lagnasco
Stai navigando in : Le News
Firmato in Prefettura il Protocollo per l'accoglienza degli stagionali della frutta

E’ stato sottoscritto questa mattina presso la Prefettura di Cuneo, il Protocollo d’intesa per la gestione dei flussi di braccianti senza dimora in arrivo nel territorio saluzzese per la raccolta estiva della frutta.

Il documento è stato firmato congiuntamente dalla Prefettura di Cuneo e dai Comuni di Cuneo, Busca, Costigliole Saluzzo, Lagnasco, Manta, Saluzzo, Scarnafigi, Savigliano, Tarantasca e Verzuolo, da Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, associazioni datoriali di categoria Lavoro Agricolo, Caritas, Associazione Papa Giovanni Paolo XXIII e Forze dell’Ordine.

L’iniziativa nasce sulla scorta della positiva esperienza maturata nel 2020, con la sottoscrizione di un’analoga intesa che aveva permesso di coniugare la necessità di contenere il contagio da Coronavirus, attraverso l’applicazione dei relativi protocolli di sicurezza, con l’esigenza delle comunità locali di accogliere tali lavoratori. Il fenomeno migratorio era così stato gestito evitando la formazione di assembramenti e la diffusione di sistemazioni di fortuna nelle cittadine ospitanti.

Di qui la decisione della Prefettura, e del nuovo Prefetto la dottoressa Fabrizia Triolo, di rinnovare il Protocollo, predisponendo un sistema di accoglienza basato su piccole soluzioni abitative diffuse nei Comuni aderenti al progetto. Allo scopo il Ministero dell’Interno ha concesso, per il 2021, un finanziamento di circa 500.000 euro (per l’esattezza 498.014,84 euro) , attraverso i quali contribuire all’allestimento, nel Saluzzese, di circa 235 soluzioni alloggiative (poi rimodulate in 179 per le esigenze anti Covid), da destinare ai lavoratori stagionali extracomunitari. Sistemazioni che i Comuni aderenti all’accordo (Cuneo, Busca, Costigliole Saluzzo, Lagnasco, Saluzzo, Savigliano, Tarantasca e Verzuolo, cui si sono aggiunti nel 2021 Manta e Scarnafigi) hanno, poi, provveduto ad organizzare.

Contemporaneamente, anche quest’anno è stata acquisita la disponibilità del Fondo Fami (Fondo asilo e migrazioni internazionali) del Ministero dell’Interno, che ha finanziato il progetto "La buona terra", con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita e di lavoro dei braccianti stagionali agricoli, evitando lo sfruttamento e varie forme di illegalità legate al caporalato. Pertanto, la Cgil Cuneo e Flai Cgil Cuneo, insieme alla Caritas e all’Associazione Papa Giovanni Paolo XXIII, promuoveranno azioni volte a salvaguardare la legalità, la dignità e la salute dei lavoratori, mentre le associazioni datoriali di categoria cercheranno di sensibilizzare i propri associati per la predisposizione di soluzioni di dimora temporanea presso i luoghi di lavoro e le aziende agricole. L’Asl Cn1, invece, ha costituito un’Unità di crisi migranti, che curerà gli aspetti sanitari relativi all’emergenza braccianti della frutta presso i Comuni di competenza.

Per quanto riguarda il progetto lagnaschese, finanziato da un importo di 92 mila euro dei 500 mila citati, sono in fase di ultimazione i lavori di sistemazione dell’area di piazza Sacchetto in cui già in passato erano stati posizionati i moduli abitativi per dare ospitalità ai migranti. Ospiteranno 39 stagionali della frutta in possesso di regolare contratto di lavoro (3 persone per ogni dormitorio) che potranno diventare 52 senza le restrizioni sanitarie dovute al Covid.

Comune di Lagnasco - Piazza Umberto I, 2 - 12030 Lagnasco (CN)
  Tel: 0175 72 101   Fax: 0175 72 630
  Codice Fiscale: 85000750043   Partita IVA: 00568590046
  P.E.C.: segreteria@pec.comune.lagnasco.cn.it   Email: segreteria@comune.lagnasco.cn.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.