stemma della regione
      Regione Piemonte
Accedi ai servizi
Utenti con dislessia
logo del comune
Comune di Lagnasco
Stai navigando in : Le News
Lagnasco presente all'evento di Poste Italiane "Sindaci d'Italia"

Il Comune ha accolto l'invito di Poste Italiane ed ha partecipato, con il Vicesindaco Oscar Fiore, alla seconda edizione dell'evento "Sindaci d'Italia" svoltosi questa mattina presso il "Roma Convention Center La Nuvola".
Ad un anno di distanza dalla prima edizione in cui Poste aveva comunicato ai sindaci dei Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti l'inversione di tendenza dell'azienda, che sarebbe tornata ad investire negli Uffici Postali dei piccoli Comuni quale presidio territoriale di rilevanza sociale, più che economica, in 4.000 sindaci (o loro delegati) hanno accolto l'invito per la seconda edizione completamente sponsorizzata da Poste Italiane. Occasione per fare il punto della situazione sui 10 impegni assunti lo scorso anno, ribadendoli e rilanciando ulteriormente.
Una platea che non poteva essere indifferente alla politica nazionale, che ha infatti partecipato con ben sei Ministri, capeggiati dal premier Giuseppe Conte.

Di seguito la cronaca della giornata riportata dall'ANSA:

Sono circa quattromila i sindaci di piccoli Comuni riuniti da Poste Italiane per la seconda edizione di 'Sindaci d'Italia".  Nell'enorme sala congressi sotto la 'Nuvola' di Fuksas il colpo d'occhio è d'effetto: con la fascia tricolore, in migliaia, i sindaci affollano una platea che rappresenta il Paese, il territorio, la 'periferia' dei piccoli comuni per un confronto con l'azienda ma anche con il 'centro' politico del Paese. Il Governo è presente con il premier Giuseppe Conte e, in programma, i ministri Gualtieri, Boccia, Catalfo, Provenzano, Pisano, Franceschini, oltre a Nicola Zingaretti come presidente della Regione Lazio. All'inizio della convention, ed all'ingresso degli ospiti del Governo, applausi ma anche qualche fischio (mentre i maxischermi inquadravano il premier che entrando si è fermato a salutare alcuni dei presenti in prima fila) dalla platea di sindaci.

"Stiamo seguendo con molta attenzione la proposta legislativa 'liberiamo i sindaci' - ha detto il premier Giuseppe Conte replicando al presidente dell'Anci e parlando di manovra - e quest'anno abbiamo un tavolo, che aprirà il 7 novembre e sarà operativo fino a fine manovra, con tutti gli enti locali presso il ministero degli Affari Regionali, per accogliere le vostre istanze".


"Nei piccoli Comuni - ha evidenziato Conte - abita circa il 16% della popolazione italiana, sono 10 milioni di persone. I piccoli Comuni sono un deposito di preziose testimonianze artistiche e culturali e sono ancora oggi centro propulsivo di attività economiche e produttive". "E' importante sottolineare come i piccoli Comuni hanno tantissimi problemi, sono a rischio spopolamento ma danno un forte contributo alla realtà nazionale e all'eccellenza italiana", sottolinea.


Tra i "pilastri" del'azione di governo, ha detto il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri parlando di manovra - che sarà espressa in manovra, c'è "il tema welfare e famiglie", con una "grande piano per la costruzione di asili nido e la gratuità delle rette degli asili nido per la maggior parte della popolazione". "Il governo - ha detto ancora il ministro - si accinge a varare una manovra che rappresenta una sfida da non poco conto. La prima cosa è rimettere L'Italia sulla strada della stabilità e la crescita. E' positivo essere riusciti a disinnescare i rialzi Iva senza aver percorso la strada più facile: non abbiamo tolto un euro a sanità, scuola, trasporti, ricerca, enti locali".


Ai Sindaci è arrivato anche un messaggio del capo dello Stato. "Le sempre più rapide trasformazioni economiche e sociali presentano rischi di varia natura per la qualità della vita delle popolazioni dei piccoli comuni italiani, talvolta mettendo persino in discussione il loro equilibrio vitale". "Per questo accolgo con rinnovato interesse la seconda edizione dell'iniziativa che riunisce oggi, in progetti condivisi, una grande azienda come Poste italiane e migliaia di sindaci di piccoli Comuni, sostenuti dalle loro associazioni, Anci e Uncem. Una moderna infrastruttura di uomini e mezzi in grado di mettere in rete anche le comunità meno densamente popolate", spiega Mattarella. "L'impegno a mantenere i presidi essenziali nelle comunità più piccole , nelle aree interne, montane e insulari, è - prosegue - particolarmente meritorio e non risponde soltanto a un elementare dovere di unità nazionale, bensì consente di mettere a frutto risorse altrimenti abbandonate e infruttuose e di curare la salute dei territori, condizione di sviluppo sostenibile". Per Mattarella "è quando i diritti dei cittadini e i servizi a loro accessibili rispondono davvero a un criterio di universalità che la Costituzione risulta applicata". 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vedi Anche
Comune di Lagnasco - Piazza Umberto I, 2 - 12030 Lagnasco (CN)
  Tel: 0175 72 101   Fax: 0175 72 630
  Codice Fiscale: 85000750043   Partita IVA: 00568590046
  P.E.C.: segreteria@pec.comune.lagnasco.cn.it   Email: segreteria@comune.lagnasco.cn.it
Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.Maggiori informazioni.